Cosa vedere a Stoccarda

Stoccarda è una città ricca di storia e di cultura. È la patria di Mercedes e Porsche, e di eventi come il Cannstatter-Volksfest e i Mercatini di Natale.

Cosa vedere a Stoccarda

Stoccarda è una città di fiere, congressi e cultura famosa per la sua industria automobilistica e i suoi edifici storici. E’ altrettanto famosa per i suoi dintorni ricchi di vigneti e vallate.

Facile da visitare grazie ad un eccellente servizio di mezzi pubblici, vi consigliamo di scoprire la città a piedi per assaporare al meglio il suo fascino che unisce antico e moderno.

Questa giovane metropoli è stata la patria di grandi inventori: l’automobile, la fotocopiatrice e il reggiseno sono stati inventati qui.

Schlossplatz, la Piazza del Castello

Piazza Castello, il cuore di Stoccarda © Stuttgart-Marketing GmbH

La Schlossplatz, la Piazza del Castello di Stoccarda, è la cornice prediletta per eventi e concerti di Stoccarda. Un vero e proprio cuore pulsante della città conosciuto da tutti come punto di ritrovo. All’inizio di agosto si trasforma in un grande palco illuminato per il Sommerfest.

Trasformata in un giardino barocco accessibile anche alla cittadinanza a metà del XIX secolo, al suo centro si trova la Colonna del Giubileo. Per via dei lunghi tempi di costruzione presenta influssi architettonici misti: barocchi, neoclassici, rococò e stile impero.

Il gioiello più recente della Schlossplatz è il Kunstmuseum: un cubo di vetro alto 27 metri, che rende la piazza ancora più spettacolare soprattutto di notte. Anche durante lo shopping passerete per Schlossplatz visto che si trova al centro di Königstraße, la più lunga strada pedonale d’Europa.

Il vicino Castello Vecchio ha sede al Museo Storico del Land Württemberg. Nella corte interna del Castello Vecchio si tengono ogni anno le cerimonie d’inaugurazione della sagra del vino e del Mercatino di Natale di Stoccarda.

Altes Schloss

L’Altes Schloss © Stuttgart-Marketing GmbH

Costruito nel sulle rovine di una fortezza costruita intorno al 941 come semplice castello circondato  d’acqua per la protezione di un allevamento di cavalli, in tedesco Gestüt da cui il nome originale Stutengarten stato derivato, il Castello Vecchio di Stoccarda, l’Altes Schloss, è stato ampliato nel 14° secolo dai Conti di Württemberg che lo vollero come loro residenza.

In seguito il Duca Christoph di Wuerttemberg (1550-1568) riportò il carattere castello antico in primo piano lasciando la parte antica nella zona interna ma trasformando l’insieme in un magnifico palazzo rinascimentale cosa che ha permesso comunque di conservare il carattere medievale della struttura.

Stiftskirche, la Cattedrale

La cattedrale, la Stiftskirche, è il simbolo della vecchia Stoccarda essendo probabilmente la prima chiesa della città. Trasformata molte volte nel corso dei secoli, sono visibili ancora oggi degli elementi che appartenevano alla chiesa del X secolo. L’aspetto attuale risale essenzialmente al XIV secolo ma gli interventi sono stati effettuati anche dopo la seconda guerra mondiale visto che era finita sotto le bombe degli Alleati.

Particolari i 2 campanili molto diversi tra loto, uno dalla forma ottagonale l’altro è invece di forma squadrata con una copertura appuntita.

Markthalle

Uno storico edificio in stile liberty degli anni 20 ospita il mercato coperto di Stoccarda, la Markthalle. Gli occhi e il palato potranno gustare raffinate prelibatezze tipiche della cucina sveva senza fare a meno di eccellenze gastronomiche provenienti da tutto il mondo.

Recarsi al mercato coperto è sicuramente un’ottima scelta e non solo per gli amanti dei peccati di gola.

Il mercato coperto di Stoccarda venne costruito nel 1914. Su una superficie di circa 3 mila metri quadrati i banchi espongono le proprie merci fianco a fianco. Il mercato apre le proprie porte ogni giorno per offrire fiori, frutta, verdura, pesce, carne e prodotti da forno. In questo paradiso ricco di specialità gustose e caratterizzato da uno stile raffinato potrete soffermarvi a guardare lo scorrere della vita del mercato davanti ad un caffè o al tavolo di uno dei ristoranti che serve specialità sveve.

Quartiere Weissenhof

Weissenhofsiedlung è il quartiere più particolare di Stoccarda, considerato un monumento architettonico fra i più straordinari del mondo.

Aperto al pubblico dal 2006 come sede del museo dedicato alla storia del quartiere ideato nel 1927 di cui è la bandiera, e all’architettura di Le Corbusier che ha realizzo questa casa bifamiliare dall’estrema essenzialità, diventata simbolo paradigmatico di questo spicchio di città, fa parte dell’insediamento del Weissenhof realizzato da 17 architetti fra cui Walter Gropius e Hans Scharoun.

Questo quartiere nacque sotto la direzione artistica di Ludwig Mies van der Rohede al quale era stata affidato il coordinamento dell’esposizione Abitare con cui si volevano illustrare nuove soluzioni abitative per i cittadini delle metropoli moderne. Il progetto voleva esplorare criteri di economicità, funzionalità, tecniche costruttive, arredamento e tecnologie residenziali. Delle 21 case sperimentali di questo quartiere decisamente singolare oggi ne sopravvivono 11, tuttora abitate.

Musei di Stoccarda

Il capoluogo del Baden-Württemberg è una delle città più ricche della Germania, sia economicamente che di storia. Il centro della città è pieno di piazze romantiche, edifici storici e palazzi che ogni anno attraggono numerosi turisti.

Stoccarda propone alcuni tra i migliori musei e gallerie di tutta la Germania. Tra i più famosi, non mancate di visitare il Museo Porsche sulla Porscheplatz, il Museo Mercedes-Benz di Mercedesstraße, la Staatsgalerie e il Kunstmuseum, in Piazza del Castello.

Museo Mercedes-Benz

Il museo della Mercedes a Stoccarda © Stuttgart-Marketing GmbH

Il museo della Mercedes – Benz è sicuramente una delle attrazioni più visitate a Stoccarda, vera e propria patria delle automobili. Interessante non solo per gli appassionati della casa tedesca, il museo è stato studiato per accompagnarvi in un viaggio lungo 127 anni, dai primissimi autoveicoli fino alle idee futuribili di mobilità tutto inserito in un edificio dalla fortissima vocazione architettonica.

Il museo si sviluppa su oltre 16 mila metri quadrati articolati in 9 livelli dove si possono ammirare 160 veicoli e mille 500 oggetti ad essi correlati.

Il viaggio a ritroso fino agli albori della storia dell’automobile inizia a 34 metri d’altezza. Il visitatore è sbalzato indietro nel tempo fino al 1886 quando la leggenda ebbe inizio. La scintilla geniale fu di Gottlieb Daimler e Carl Benz che diedero corpo ad un’idea che avrebbe rivoluzionato profondamente il mondo intero e il modo di vivere dell’uomo. Le tappe messe in evidenza dall’esposizione museale sono vere e proprie pietre miliari del marchi Mercedes-Benz.

Sono due i tipi di percorsi proposti, cronologico e tematico. Alla fine però i visitatori si ricongiungeranno in uno spazio unico dedicato alle innovazioni tecnologiche dove a tenere banco saranno i temi del design, della ricerca e dello sviluppo.

Museo Porsche

Il Porsche Museum © Stuttgart-Marketing GmbH

Il museo della Porsche è stato trasferito nella nuova sede a gennaio 2009. La struttura, un edificio futuristico di grande effetto che appoggia su pilastri a forma di V, affaccia direttamente su Porscheplatz dove dal 1950 si producono le auto sportive con il cavallino di Stoccarda. Il Museo Porsche, in aperta competizione con il museo rivale della Mercedes-Benz, sito a 30 minuti di distanza, espone 80 modelli che vanno dalla prima auto con marchio Porsche del 1948, un precursore della Boxster, fino alla 911 GT1 che ha vinto la Le Mans 1998, oltre a 200 oggetti minori.

Il corpo della struttura architettonica ha una superficie espositiva di 5 mila 600 metri quadrati  e pesa 35 mila tonnellate.  La visita si snoda seguendo la storia della produzione e rivela lo spirito del marchio: velocità, leggerezza, potenza. Il percorso cronologico è integrato da aree tematiche.

L’audio-guida in sette lingue, italiano compreso, fornisce informazioni dettagliate su ognuno di questi aspetti.

Al piano terra del museo è allestita un’officina e ciò permette ai visitatoti di osservare i tecnici al lavoro attraverso una vetrata affacciata sulla zona bar.

Staatsgalerie Stuttgart

L’edificio che ospita la Staatsgalerie © Stuttgart-Marketing GmbH

La Staatsgalerie Stuttgart copre sette secoli di storia. La struttura originale fu fatta costruire da re Gublielmo I del Württemberg fra il 1838 e il 1843 e grazie a questo è uno dei musei più antichi di Germania.

La parte più cospicua della collezione permanente ospita alcuni dei grandi classici moderni delle opere d’arte del XX secolo come Il Cavaliere blu di Wassily Kandinsky, il die Brücke di Ernst Ludwig Kirchner o varie opere di Pablo Picasso che coprono tutto il suo percorso creativo.

L’edificio originale della Pinacoteca di Stoccarda ha tre ali in stile neoclassico a cui nel 1984 fu aggiunto un ampliamento a opera dell’architetto star James Stirling, considerato un capolavoro dell’architettura postmoderna.

La collezione d’arte permanente oggi conta circa 800 opere. L’esposizione cambia 7-8 volte l’anno ed è accompagnata da un ricco programma di visite guidate.

Kunstmuseum

Il “cubo di vetro” che ospita il Museo di Arte Moderna © Stuttgart-Marketing GmbH

Il Kunstmuseum, il Museo Civico di Arte Moderna e Contemporanea, si trova nel cuore della città dal 2005. L’edificio che lo ospita, un cubo di vetro che con il calar del sole regala un interessante gioco di trasparenze tra la struttura esterna, l’illuminazione e gli interni, attira molti visitatori e offre un ottimo punto di osservazione della città.

Sono tre o quattro le grandi mostre allestite ogni anno lungo l’elaborato percorso a tunnel che gli architetti hanno realizzato in modo raffinato e sobrio fino a dar vita a una superficie espositiva di 5 mila metri quadrati.

La collezione è stata iniziata nel 1924  e oggi conta oltre 15 mila opere di arte moderna e contemporanea. Qui è raccolta la più significativa collezione  delle opere dell’artista Otto Dix, uno degli artisti più straordinariamente disincantati nel rappresentare il fatidico periodo dei due conflitti mondiali.

Museum im Haus Le Corbusier

Il piccolo museo a Weissenhof © Stuttgart-Marketing GmbH

Il percorso del Museum im Haus Le Corbusier attraversa entrambe le unità abitative della villetta bifamiliare che assolvono a diversi scopi museali. Nell’unità sinistra sono racchiuse le informazioni sugli obiettivi e sullo sviluppo del Weissenhof, nell’unità di destra la mostra è incentrata sugli eventi del 1927, anno d’inaugurazione del Weissenhof.

Museo del Land

Dal 1969 il Castello Vecchio di Stoccarda ospita il Museo del Land dove si può ripercorrere la storia della regione dai suoi albori fino alla fusione con il Baden. L’istituzione museale è stata fondata da Re Guglielmo I nel 1862 come “Raccolta di antichità di Stato”.

Il secondo piano ospita un percorso cronologico dall’età della pietra alla modernità con reperti archeologici, artistici ed etnografici del Württemberg. L’intelaiatura espositiva è costituita da quadri d’epoca che riassumono le informazioni storiche utili per il visitatore e propongono un oggetto simbolo caratteristico per ogni periodo storico. Nelle torri del castello si lascia la da parte la storia per esplorare l’identità degli abitanti del Württemberg e per andare alla ricerca dell’aldilà.

Museo del Maiale

A Stoccarda potrete trovare molte cose insolite e sorprendenti da visitare come per esempio il Museo del Maiale che dal 2010 è entrato a far parte delle attrazioni della città.

Lo stravagante museo si trova all’interno dell’antico macello della città, un edificio del 1909 in stile liberty, e racchiude ogni sorta di oggetto a forma di maiale: nelle 25 sale allestite potrete trovare dai semplici porcellini salvadanaio  fino ad utensili da lavoro o rare antichità, dal puro kitsch di produzione industriale a preziosi pezzi unici.

Questo tempio dedicato al maiale ospita oltre 45 mila oggetti provenienti da tutto il mondo.

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 3.9 su 10 voti