Rostock

Rostock è una città armoniosa, colorata e cosmopolita del Meclemburgo-Pomerania Anteriore, e importante e storico porto commerciale del Mar Baltico.

Nell’estremo nord della Germania, nel Land del Meclemburgo-Pomerania Anteriore, sorge la città di Rostock, che con i suoi 200.000 abitanti è il centro più popolato della regione, pur non rivestendo il ruolo di capoluogo.

Della città si hanno notizie certe solo dal 1218, ma è ormai assodato che i primi insediamenti risalgano al settimo secolo d.C. L’adesione di Rostock alla Lega Anseatica, avvenuta nel 1259, ha permesso alla città di vivere un periodo estremamente fiorente, durato all’incirca tre secoli.

Rostock ha subito poi un declino a causa della Guerra dei Trent’anni, con molti saccheggi operati dai vicini svedesi, e del devastante incendio del 1677, che provocò terribili danni a tutta la città. Un danno talmente esteso che costrinse Rostock a ritardare anche l’industrializzazione.

Come la maggior parte delle città tedesche, anche Rostock è uno splendido esempio di convivenza tra antico e moderno: il suo centro storico è interamente caratterizzato dagli edifici in mattoni laterizi rossi, tipici dello stile gotico baltico.

Ma Rostock è soprattutto una città che si affaccia sul Mar Baltico: ancora oggi il suo porto è il secondo per importanza dopo quello di Lubecca, e tra i più importanti a livello crocieristico dell’intero paese. La città è anche sede di un’importante e storica Università.

Cosa vedere a Rostock

Il centro storico di Rostock è interamente percorribile a piedi: resterete piacevolmente ammirati dagli edifici storici della città, tutti realizzati in cotto, materiale tipico di queste parti. Le splendide navi a vela che spiccano dal magnifico porto sembrano poi salutare e proteggere ogni giorno gli abitanti.

Porte cittadine

Quando Rostock entrò a far parte della Lega Anseatica vennero erette imponenti fortificazioni, realizzate in stile gotico. Per accedere alla città era necessario passare attraverso quattro porte, tutte caratterizzate da torri.

Nella parte più occidentale del centro storico di Rostock ecco spuntare la Porta di Kropelin, che si trovava sulla strada che collegava Lubecca a Wismar. Al suo interno, fino al 2004, era ospitato il Museo Storico, uno dei più antichi di Germania.

Altre porte sono la Steintor, costruita in stile rinascimentale olandese; la Kuhtor, la più antica porta del Meclemburgo, nota anche come Porta della Mucca; infine la Monchentor, che ancora oggi è l’unica porta di Rostock ancora intatta con accesso dalla costa.

Marienkirche

La Marienkirche, Chiesa dedicata a Maria, sorge nel cuore del centro storico di Rostock, e riprende lo stile architettonico francese: la primissima costruzione risale al 1232, ma la struttura come la vediamo oggi è datata 1454.

Con il Protestantesimo vennero rimossi molti dei capolavori dei secoli precedenti ospitati all’interno della Marienkirche: tuttavia, la Chiesa preserva molte opere e capolavori del periodo successivo, che meritano particolare attenzione.

A spiccare è senz’altro l’orologio astronomico, risalente al 1472, che oltre all’ora indica anche lo zodiaco e le fasi lunari: questo strumento ticchetta ancora oggi con il meccanismo del periodo medievale, che lo rende unico al mondo.

Chiesa di San Pietro

La Chiesa di San Pietro è la seconda Chiesa della città per dimensione, ma non per questo meno importante. Situata nell’affascinante piazza Alter Markt, dove Rostock venne fondata, la Chiesa di San Pietro è una Basilica a tre navate risalente al ‘400, caratterizzata principalmente da un imponente campanile: i suoi 117 metri lo hanno reso nel corso dei secoli molto importante per i navigatori e i pescatori.

Da sapere: Oggi è possibile salire fino in cima servendosi di un ascensore: il consiglio è di farlo assolutamente, per godersi un panorama mozzafiato.

Cosa fare a Rostock

Rostock è la sede di una delle più antiche università del Nord Europa, e si trova a pochi chilometri da Warnemunde, rinomata località balneare.

Gita fuori porta a Warnemunde

Come detto in precedenza, l’anima di Rostock è certamente il suo porto cittadino, dal quale è possibile avventurarsi in lunghe passeggiate alla scoperta di luoghi unici. Tra questi c’è senza dubbio Warnemunde, stazione balneare divenuta oggi un quartiere molto vivace e dinamico.

In mezzo alle vecchie case dei pescatori, potrete passare una giornata tra negozietti tipici, ristoranti e caffè. Oltre alla spiaggia sabbiosa lunga all’incirca cinque chilometri, Warnemunde è famosa anche per le sue navi: quelle da crociera, certo, ma anche la rompighiaccio più vecchia del mondo, lo Stettin, messa in disarmo nel 1981 e salvata dalla distruzione dallo stesso popolo di Rostock.

Visita al faro

Elemento caratterizzante di Warnemunde, il Faro è uno dei simboli principali della città di Rostock. Fatto erigere nel 1897, è alto 37 metri e ha sempre facilitato le navi nell’orientamento.

Oggi è possibile recarsi in visita salendo fino in cima, per godere di una vista di grande impatto: con buona visibilità, si riesce a scorgere anche la vicina città danese di Gedser.

Museo Navale

Un altro luogo molto interessante da visitare è il Museo Navale, ospitato nella meravigliosa ambientazione della nave cargo “Dresda”, dove è conservata tutta la storia portuale, marittima e appunto navale della città e dell’intera regione che si affaccia sul Mar Baltico. Al suo interno troverete cimeli storici, modelli di antiche navi e particolari di grande valore.

Mercatini di Natale ed eventi

I mercatini di Natale di Rostock sono tra i più belli dell’intera Germania. Una vera e propria festa, che si apre a fine novembre con l’arrivo di Babbo Natale e si conclude il 22 dicembre. Il luogo più gettonato è Neuer Markt, che viene invasa da bancarelle di tutti i tipi.

Uno degli eventi più caratteristici di Rostock è poi la Regata Hanse-Sail. Pensata per celebrare la riunificazione, si svolge nella seconda settimana di agosto e coinvolge oltre 300 imbarcazioni. Durante il secondo fine settimana del mese di agosto c’è poi la Hanseatische Hafentage, la grande festa del Baltico: concerti, spettacoli e mostre rallegrano l’atmosfera nelle strade di Rostock.

Dove dormire a Rostock

Rostock è piuttosto compatta e i quartieri da scegliere per pernottare sono essenzialmente due, a ridosso del centro.

  • Kropeliner Tor Vorstadt: E’ il quartiere più di tendenza della città, dove sorgono diversi ristoranti di grande qualità e pub con ottima birra. L’ideale per chi ama soggiornare nel bel mezzo della movida.
  • Universitatsplatz: La Piazza dell’Università e i suoi vicoli adiacenti offrono molti posti letto per i turisti, anche a prezzi accessibili. Anche questa zona è ricercata principalmente da un pubblico under 40.
hotelAlloggi a Rostock

Come arrivare a Rostock

Per raggiungere Rostock dall’Italia, il mezzo migliore resta sempre l’aereo: lo scalo di Rostock-Laage, realizzato nel 1992, si trova a circa 30 Km dal centro cittadino. E’ piccolo ma ben collegato con la città tramite autostrade e una linea autobus dedicata. Purtroppo non vi sono voli diretti dall’Italia a Rostock: occorre volare prima a Monaco o Stoccarda e poi triangolare con BMI Regional.

Gli aeroporti più vicini collegati direttamente dall’Italia sono Berlino Tegel distante 190 km a sud, e Amburgo, distante 200 km a ovest. Da qui sarà possibile procedere poi in treno, bus navetta o auto a noleggio.

Mappa

Cerchi un alloggio in zona Rostock?

Clicca qui per vedere tutte le strutture disponibili nei dintorni di Rostock
Mostrami i prezzi